IL SEME DELL'ARTE CRESCE A VENEZIA MARGHERA: FESTIVAL DELLA STREET ART POW! WOW!

27 giugno 2019
IL SEME DELL'ARTE CRESCE A VENEZIA MARGHERA: FESTIVAL DELLA STREET ART POW! WOW!

In concomitanza con le vernici di apertura della 58esima Biennale d’arte di Venezia22 artisti provenienti da tutto il mondo portano la loro arte nell'aerea industriale di Marghera trasformando il paesaggio di cemento in un museo a cielo aperto. 

Dopo San Francisco, Washington, Long Beach ed altre 15 destinazioni, il Festival internazionale della Street Art POW! WOW! è sbarcato per la prima volta in Italia scegliendo Porto Marghera come location ideale! 

Si tratta della più grande rassegna al mondo di mural painting, organizzata da Hausammann Gallery (Cortina – Miami) in collaborazione con Venezia Heritage Tower, Transport Service Pesce M. & C. srl e VENPA che si è tenuta dal 6 all’11 maggio 2019 in Via dell’Azoto, 4.


Dagli Stati Uniti provengono Kamea, Gress, Noel e Spenser; dall’Australia, Reka; dalla Francia, Koralie, Supakitch e Fafi; dal Belgio, Cara; dalla Germania, Anne (già contattata da marchi importanti come Adidas e Reebok).

Numerosi anche gli artisti italiani: il padovano classe 1975 Orion (che fin dai primi anni Novanta ha cercato di dare originalità al proprio lettering con uno studio basato sul taglio dei piani per ricavarne lettere), Capo, Boogie, Cento, Peeta (lo street artist ritenuto una superstar mondiale dei graffiti 3D, riuscendo ad ottenere effetti quasi olografici).
E ancora Joys, Made514 e Yama (tutti artisti della crew padovana), Dado (il bolognese che ha reinterpretato la facciata sulla A4 della Venpa a Dolo), Nekos e il romano Tokidoki.


Alle tele preferiscono i muri. Ai pennelli alternano bombolette e vernici.


L’obiettivo è «condividere con la popolazione locale la visione di un quartiere o distretto formato da fabbriche ed industrie come un museo a cielo aperto. Dipingere muri posizionati strategicamente, distribuire mappe ed invitare i clienti e spettatori a sperimentare una nuova forma d’arte, nota per la sua segretezza, per una durata di una settimana, sono i punti di forza di questo evento unico nel suo genere», spiegano gli organizzatori.

Il programma ha previsto la realizzazione delle opere sui muri da lunedì 6 fino a sabato 12 maggio. Poi le opere sono state mostrate al pubblico che ha avuto la possibilità di dialogare direttamente con gli artisti che hanno spiegato la scelta stilistica, le tecniche usate.

Il “Meet & greet”  è stato organizzato sabato 11 maggio dalle ore 11.00 per concludersi alle 17 con un cocktail presso Venezia Heritage Tower in via dell'Azoto 4. Nell'occasione s
ono state presentate alcune opere d'arte dei 22 artisti esposte presso la torre VHT.


Se n’è parlato su:

CORRIEREDELVENETO.IT
“Marghera, writers all’opera sui muri delle fabbriche”
CORRIEREDELVENETO.IT

“Le fabbriche di Marghera come tela per gli artisti”
NUOVAVENEZIA.GEOLOCAL.IT
“Graffiti e street art colorano la zona industriale di Marghera”
ILGAZZETTINO.IT
“Il festival dei murales esplode a Marghera”
ASIANLOGISTICS.NET
“Un’ondata di colore invade le strade di casa Asian Logistics”
NOTORIUS.AGENCY
“Notorious per POW! WOW! Venice”
VENEZIATODAY.IT
“Artisti internazionali a Marghera: 22 murales per abbellire via dell’Azoto”
METROPOLITANO.IT
“Arte a Marghera: murales d’autore per l’area industriale”